Sbubbikers Casentinesi : Cancellino – Lama – Cancellino

 

Approfittando della festività del 25 Aprile un bel gruppo di Sbubby si è ritrovato per una bella escursione insieme al Parco delle Foreste Casentinesi . Dopo il necessario trasferimento in macchina da Rimini abbiamo lasciato le auto a Cancellino , poco oltre il Passo dei Mandrioli , punto dal quale parte la strada forestale che porta alla radura della Lama.

12

34

56

 Si parte inizialmente percorrendo la strada forestale in leggera salita con un fondo misto di sassi e terra battuta abbastanza scorrevole anche se irregolare .

7

8

Siamo sempre all’ombra della splendida foresta , con il sole che gioca a creare effetti di luce passando attraverso i rami degli alberi .

9

Dopo aver percorso circa 3 km in leggera salita , superato il passo dei Lupatti giriamo sul sentiero che si stacca sulla sinistra della strada forestale , seguendo l’indicazione per Camaldoli – Monte Cucco .

10

 11

Il sentiero prende quota rapidamente rispetto alla forestale , affiancandone il percorso sulla cresta .
Il fondo ora è decisamente più ostico , trattandosi di un misto di terra , rocce e radici affioranti ricoperti di un generoso strato di foglie secche.

 14

15

16

 Giunti in prossimità della cresta del Monte Cucco il sentiero si immerge in un falsopiano e si nasconde tra gli innumerevoli saliscendi in mezzo agli alberi mimetizzandosi sotto le foglie .

17

18

Arrivati al Passo dei Cerrini a quota 1265 mt s.l.m. proseguiamo sul sentiero a destra verso il Passo della Crocina ,   il punto più alto della nostra escursione.

19

Oltrepassato il Passo della Crocina , sulla discesa che ci porterà al Passo della Bertesca , troviamo la sorpresa di un tratto di sentiero ancora innevato , che alcuni saggiamente affiancano mentre altri più temerari affrontano con entusiasmo

20

21

Fa un certo effetto vedere Roby in tenuta estiva galleggiare sulla neve ….

22

24

Arrivati al Passo della Bertesca a quota 1265 mt s.l.m. il gruppo si ricompatta e seguiamo le indicazioni per la Lama e purtroppo la discesa diventa molto più problematica

25

26

Il sentiero infatti peggiora ad ogni metro ed è ripetutamente attraversato dai   fusti degli alberi abbattuti dalle intemperie dell’inverno appena trascorso.

27

Il percorso inoltre guada ripetutamente diversi ruscelli aumentando la   percentuale di roccia e sassi rispetto alla terra nella composizione del terreno.

In molti punti da l’impressione di essere lui stesso per gran parte il fondo di un torrente invernale , con la conseguenza di essere ricolmo di pietre , detriti e rami spezzati , abbiamo cosi deciso di ribattezzare la “Foresta della Lama” nella “Foresta della Rama”.

30

Vittima purtroppo della rama sarà il forcellino della Antonella , la cui rottura forzerà la bravissima Sbubbigirl a completare il giro con un rapporto fisso , dopo l’ottimo intervento tecnico di Gianni sulla sua catena

31

34

Per fortuna ogni tanto si trova qualche tratto percorribile in sella che da modo ai nostri Sbubby di perfezionare la loro tecnica di discesa (parlo per me , Rava non ne ha bisogno….)

35

Il fondo insidioso causa anche qualche ruzzolone …. come avrà fatto Mauro a finire dietro l’albero con la bici che è rimasta davanti ???

33

28

Qui Andrea Colibrì beato tra le donne nella zona della cascatella poco prima della radura della Lama e a seguire ecco Gianni che arriva a chiudere il gruppo dopo il suo intervento tecnico controllando come sempre che nessuno resti indietro

29

36

Arrivati alla radura della Lama c’è da guadare il torrentello che la attraversa , molti saggiamente lo fanno a piedi , qualcuno attraversa in sella senza problemi , io invece sentendo improvvisamente un gran caldo decido di andare ad esplorare il fondo del guado alla ricerca di forme di vita ……

39

Dopo essermi asciugato alla meglio e cambiato divisa ripartiamo imboccando la strada forestale che in una ventina di km di continua e leggera salita ci riporterà a Cancellino

49

50

51

Arrivati a destinazione ricarichiamo le bici in macchina con destinazione il mitico chioschetto di S.Piero in Bagno dove gli Sbubby danno sfoggio della loro qualità tecnica migliore …. lo spazzolamento di ogni entità commestibile raggiungibile

52

53

E’ stata una splendida giornata in compagnia di un bellissimo gruppo di amici … ci vediamo alla prossima !!!!

 

Twitter Digg Delicious Stumbleupon Technorati Facebook

No comments yet... Be the first to leave a reply!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.