[onroad] Rimini – Monte Carpegna

Rimini – Monte Carpegna

 

 

Ciao a tutti, eccomi qui a raccontarvi della mia uscita domenicale scorsa che mi ha visto presente sulle strade della Carpegna – Cantoniera.

Partito abbastanza tardi, ovvero le 07.30 di mattina insieme ad una comitiva di simpatici vecchietti tra cui mio suocero Colombo, (che unitamente ai suoi amici avrebbero sostato a casa di uno di questi per un lauto pranzo a base di tagliatelle al ragù e uccelletti ripieni) ci indirizziamo verso il solito tragitto Coriano – Croce, non vi descrivo le strade in quanto già ampiamente narrate in precedenza, comunque sempre, a mio parere, bellissime!

 

Arrivati a Croce si scende nel fondovalle di Mercatino Conca, la strada fino al bivio di Montelicciano e in costante pendenza ma niente di proibitivo per un’andatura che rimane tranquillamente intorno ai 30 km/h. Al bivio appunto, prendere a sinistra per Montecerignone, anche qui la strada “pizzica” sempre verso l’alto, si passa la deviazione per Montegrimano e si prosegue dritto, per chi volesse arrivare al paese di Montecerignone, bisogna prendere a destra (per chi non c’è mai stato, lo consiglio, è molto bello e c’è anche una fontanella per rabboccare l’acqua).

Da qui comincia la salita, la prima fino alla fabbrica di Pascucci è abbastanza tosta ma lineare, senza strappi, poi spiana un po’ fino a pochi km prima del bivio per Carpegna dove ci sono dei bei tratti in salita. Il paesaggio è qualcosa di indescrivibile, la strada è abbastanza ben tenuta e si attraversano pascoli di mucche che pascolano proprio a due passi da te…

 

Arrivato al bivio tra Carpegna e Villagrande si va a sinistra per la Carpegna, la strada sale un po’ ma niente di impossibile, qui bisogna prestare attenzione perché il bivio per la Carpegna si trova sulla sinistra lungo una discesa, lo prendo e salgo verso la piazza. Lungo il percorso sulla destra c’è la deviazione per il Monte Cippo, questa era una delle strade preferite dal grande Marco Pantani per allenarsi, io domenica ero abbastanza in ritardo e non l’ho potuta fare, ma vi assicuro che oltre ad essere difficilissima con pendenze devastanti, è anche ricca di suggestioni paesaggistiche di non poco conto. Arrivato in piazza riempio le borracce dalla fontana (che porta la scritta “acqua non potabile”, ma in realtà è buonissima) e parto alla volta di Rimini.

 

Discesa per 16 km circa fino a quando si sbuca sulla SS258, ovvero la Marecchiese, da qui fino a casa la strada è un po’ tutta in discesa e bisogna fare molta attenzione alle macchine in quanto il traffico, soprattutto di domenica, è molto intenso!

Alla fine è stato un peccato non aver potuto fare (e tracciare) il Cippo, l’orario non me lo consentiva, ma credo che non mancherà l’occasione quest’anno!

 

Il percorso totale è stato di circa 120 km, non ci sono salite particolarmente difficili e il paesaggio soprattutto da Montecerignone in poi è bellissimo fino alla fine della Marecchiese, per chi ha 4/4,5 ore di tempo è l’ideale per fare un po’ di fondo.

Saluti a tutti.

Mirko.

Twitter Digg Delicious Stumbleupon Technorati Facebook

No comments yet... Be the first to leave a reply!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.